Olocausto

Il termine Olocausto (dal greco holos “completo” e kaustos “rogo” come nelle offerte sacrificali) venne introdotto alla fine del XX secolo per riferirsi al tentativo compiuto dalla Germania nazista di sterminare tutti quei gruppi di persone ritenuti “indesiderabili”.

La parola ‘Olocausto’ (dal greco holokauston, che significa letteralmente “tutto bruciato”, cioè “rogo sacrificale offerto a Dio”), si riferiva originariamente ai sacrifici che venivano richiesti agli ebrei dalla Torah: si trattava di sacrifici di animali uccisi in maniera rituale e bruciati sull’altare del tempio.